Gianluca Antoni

Psicologo Psicoterapeuta Ipnotista, Scrittore, Career Coach, Formatore

Category: Career Coach e Formazione (page 1 of 3)

OrientaMarche 2018 – Credere in se stessi

orientamarche 2018All’interno dell’edizione 2018 di OrientaMarche, che coinvolgerà oltre 2.400 i ragazzi provenienti da 40 istituti di tutte le Marche, il 12 e il 13 dicembre alle 10.30 farò un intervento dal titolo Credere in se stessi come fondamento per una scelta consapevole nello studio e nel lavoro. Parlerò ai ragazzi di cos’è realmente l’intelligenza e di quanto siano importanti le convinzioni per sviluppare le proprie potenzialità, e di quanto queste siano determinanti per fare una buona scelta universitaria e professionale.

 

Aiutare i figli a scegliere – Banchi di prova 2018

banchi di prova 2018Domenica, 2 dicembre 2018, alle ore 10.00, all’interno della fiera di orientamento per la scelta della scuola superiore Banchi di Prova organizzato dall’informagiovani del Comune di Senigalliaterrò l’incontro pubblico dedicato ai genitori dal titolo: Aiutare i figli a scegliere.

Parlerò di come affrontare questo momento cruciale partendo dalla mia esperienza per poi spaziare e analizzare che cosa vogliamo davvero per i nostri figli. 

Toccherò il tema della felicità, dell’intelligenza nelle sue varie forme, della motivazione, del talento, della personalità, delle capacità e degli interessi.

Passerò quindi ad elencare gli ingredienti per fare una buona scelta di studi e di come sostenere i nostri figli in questa dedicata fase della vita.

Al termine sarò ben lieto di rispondere a tutte le domande dei genitori.

 

Quo Vadis? – FanOrienta

fanorientaFanorienta è un  evento dedicato agli studenti e alle famiglie che devono scegliere l’Istituto superiore presso cui iscriversi.

In un unico spazio, quello della MEMO – Mediateca Montanari, sabato 10 Novembre, dalle 15 alle 19.30   sarà possibile assistere alle presentazioni delle  scuole superiori della città di Fano, dialogare con i docenti delle scuole secondarie di primo e di secondo grado, formarsi sui temi dell’orientamento ascoltando gli interventi degli esperti.

L’evento si articolerà sia nella sala ipogea che nelle sale della MEMO.

Alle ore 15 presso la sala ipogea si  partirà con il saluto delle autorità  cittadine; alle 15. 30 è previsto l’intervento dell’ Assessore regionale con delega all’Orientamento  Loretta Bravi, che terrà un intervento sulle  linee guida regionali sull’orientamento scolastico e professionale.

A seguire –  dalle 16 alle 17 l’intervento dell’esperto in orientamento, psicologo e scrittore  Gianluca Antoni, che affronterà il tema del ruolo che possono svolgere i genitori nell’aiutare i figli a compiere la delicata transizione dalle scuole medie a quelle superiori.

Continue reading

Trovare lavoro da timidi di Nicola Giaconi

2017-03-07 14.28.51Era il 1996, da poco lavoravo come responsabile dell’Informagiovani della mia città, e fui invitato a partecipare a un corso di formazione per Operatori dei servizi di informazione e orientamento che coinvolgeva gli operatori di molti centri informagiovani della mia regione. Era uno dei quei corsi finanziati dal fondo sociale europeo, di 400 ore, che prevedeva anche visite di studio in Italia e all’Estero.

In quel corso si sono succeduti diversi docenti, tutti molto competenti, ma uno solo mi è rimasto nel cuore: Nicola Giaconi. Fin dal primo giorno le sue lezioni mi entrarono dentro, toccarono parti profonde di me, mi diedero nuove consapevolezze e soprattutto mi aprirono la mente.

Parlava della scelta lavorativa come scelta di vita, una scelta profonda in armonia con i nostri valori, le nostre risorse, la nostra personalità e le nostre capacità. In più ci forniva di strumenti concreti ed efficaci per aiutare le persone a scegliere gli studi e trovare lavoro. Poca teoria e molta pratica. Amavo il suo stile di condurre l’aula, e ancora posso ricordare intere lezioni come se fossero state ieri. Quelle giornate passate con lui hanno “lavorato” su di me non solo a un livello razionale conscio, ma anche a un livello emotivo inconscio. Posso affermare che incontrare Nicola è stato un bivio significativo della mia vita, un bivio che ha cambiato di netto il mio modo di percepire me stesso, il lavoro e più in generale la vita. Continue reading

Job Club – Workshop Trova il tuo lavoro in 10 “semplici” passi

job club (5)Il workshop che si terrà presso l’informagiovani di Montegranaro nelle giornate del 27/2, 6/3 e 13/3/2017) si pone l’obiettivo di fornire ai partecipanti gli strumenti per sapersi muovere in modo efficace e professionale nella ricerca dell’impiego, evitando errori comuni e definendo il proprio obiettivo in modo preciso e mirato. Vengono illustrati gli esercizi per svolgere un accurato bilancio delle competenze e un’attenta ricerca informativa, in modo da utilizzare tecniche attive che permettano al candidato di farsi conoscere ancor prima che un’opportunità lavorativa venga resa pubblica. Nel workshop si esporranno le strategie e gli esercizi che abbiamo elaborato e testato su migliaia di persone nella nostra esperienza ventennale e sintetizzato nella nostra guida Trova il tuo lavoro (Il Sole 24 Ore, 2012).

 

Verranno trattati i seguenti contenuti: Continue reading

Futuramente – Pomeriggio di orientamento universitario e lavorativo

futuramente_gianluca_antoniDomenica, 12 febbraio 2017, alle ore 15.00, all’interno dell’evento FuturamentePomeriggio di Orientamento Universitario e Lavorativo organizzato dal Centro Sociale “Casa della gioventù” di Senigallia, terrò l’incontro pubblico dedicato ali studenti delle scuole superiori  dal titolo Parliamo di Scelte: come scegliere la professione e lo studio.

Parlerò di qual è l’atteggiamento migliore per affrontare la scelta post-diploma.

Partendo dalla mia esperienza personale,  toccherò il tema della felicità, dell’intelligenza nelle sue varie forme, della motivazione, del talento, della personalità, delle capacità e degli interessi.

Passerò quindi ad elencare gli ingredienti per fare una buona scelta di studio  e del lavoro.

Al termine sarò ben lieto di rispondere a tutte le domande degli studenti.

200 propositi per il nuovo anno

propositi-per-il-nuovo-annoNella breve lezione di psicologia Perché è importare definire i propositi del nuovo anno abbiamo visto quali sono i vantaggi nel definire i propositi. Per chi è a corto di idee, qui sotto trovi più di 200 propositi per il nuovo anno. Scegli tutti quelli che desideri realizzare, anche quelli che vorresti realizzare più in là nella vita. Trascrivili su di un diario e mettili in ordine di priorità temporale. Aggiungine di nuovi se non li trovi nella lista (e se vuoi indicarmeli nei commenti sarai il benvenuto!).

Fatto questo, come già scritto nel post precedente, scegli un amico fidato a cui leggere l’elenco, manifestagli il tuo impegno e il piano d’azione per realizzarli, e aggiornalo periodicamente dei progressi. Secondo una ricerca eseguita alla Dominican University infatti chi scrive gli obiettivi, dichiara il piano d’azione a un amico e lo tiene informato degli sviluppi, realizza gli obiettivi con una frequenza maggiore rispetto a chi non li mette per iscritto.

Infine, comincia fin da subito a impegnarti per realizzare il tuo primo proposito. 

 Ecco la lista: Continue reading

Aiutare i figli a scegliere

banchi_di_prova_2017Domenica, 20 novembre 2016, ore 10.00, all’interno della fiera di orientamento per la scelta della scuola superiore
Banchi di Prova organizzato dall’informagiovani del Comune di Senigalliaterrò l’incontro pubblico dedicato ai genitori dal titolo:
Aiutare i figli a scegliere.

Parlerò di come affrontare questo momento cruciale partendo dalla mia esperienza per poi spaziare e analizzare che cosa vogliamo davvero per i nostri figli. 

Toccherò il tema della felicità, dell’intelligenza nelle sue varie forme, della motivazione, del talento, della personalità, delle capacità e degli interessi.

Passerò quindi ad elencare gli ingredienti per fare una buona scelta di studi e di come sostenere i nostri figli in questa dedicata fase della vita.

Al termine sarò ben lieto di rispondere a tutte le domande dei genitori.

Nel pomeriggio mi dedicherò invece ai laboratori con gli studenti affrontando il tema della scelta della scuola superiore con un taglio più esperienziale. 

 

Come il nostro corpo cambia la nostra mente

La relazione tra la mente e il corpo è circolare, il loro confine è permeabile e sarebbe più appropriato considerarli un’unica entità, identica e inseparabile. Infatti la mente influenza quello che fa il corpo, esattamente come ciò che fa il corpo influenza la mente.

Su questo tema, la psicologa sociale Amy Cuddy ha condotto un interessante esperimento a Berkeley per verificare come la nostra postura influisce sul nostro modo di pensare e  di sentire noi stessi. In altre parole la domanda chiave era: se assumo una certa postura, per esempio una postura di forza, questa postura può cambiare la fisiologia a tal punto da farmi sentire effettivamente forte?

A livello fisiologico, quando si parla di forza e di debolezza, gli studi rivelano che ci sono differenze su due ormoni chiave: il testosterone, che è l’ormone dominante, e il cortisolo, che è l’ormone dello stress. I maschi alfa più forti nelle gerarchie dei primati hanno testosterone alto e cortisolo basso, esattamente come, negli esseri umani, i leader forti ed efficaci.

A questo punto quello che Amy Cuddy ha fatto, in collaborazione con Dana Carney, è stato di chiedere alle persone in laboratorio di adottare per due minuti una postura di forza elevata o una postura di debolezza. Prima e dopo averlo fatto ha raccolto la saliva in una provetta per poter verificare il livello di testosterone e di cortisolo.  

I risultati indicano che il testosterone nelle persone che adottano una postura di forza aumenta di circa il 20% e nelle persone che adottano una postura di debolezza si riduce di circa il 10%. Per quanto riguarda il cortisolo invece nelle persone con forza elevata subisce una riduzione del 25% circa e nelle persone con debolezza aumenta di circa il 15%. 

Solo due minuti di postura portano a questo cambio ormonale che configura il cervello ad essere assertivo, fiducioso e a proprio agio, o molto meno reattivo allo stress.

Questo esperimento dimostra come il linguaggio non verbale determini davvero il modo di pensare e di sentire noi stessi. Il nostro corpo cambia la nostra mente. Non occorre sentirsi forti per esserlo, possiamo fingerlo per un po’ di tempo, assumendo la postura corretta. Avverranno quei cambiamenti fisiologici che ci porterà a sentirci davvero forti. 

Se questo vale per la forza, perché non dovrebbe valere anche per la gioia, la serenità, la fiducia e altre emozioni positive che desideriamo vivere?

Guarda l’intero video TED Talk di Amy Cuddy.

 

Shawn Achor: Il felice segreto per lavorare meglio

Older posts

© 2018 Gianluca Antoni

Theme by Anders NorenUp ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi