La formazione che proponiamo è un percorso completo di orientamento scolastico-professionale, ispirato alle metodologie di “life planning” e “career counseling” e che sono confluite nei primi anni ’90 in quello che è stato chiamato bilancio delle competenze e nelle tecniche di ricerca attiva del lavoro. Il percorso prevede essenzialmente il lavoro su due grandi aree della consulenza orientativa:

  1. il lavoro sul Sé per la creazione di un obiettivo professionale
  2. il lavoro sulle fonti di conoscenza del mercato del lavoro e sulle tecniche di ricerca attiva del lavoro.

La finalità è quella di perfezionare le capacità di empowerment sull’impiegabilità (employability) del cliente.

I contenuti e le metodologie saranno esperite dai corsisti su 2 livelli:

  1. un livello di autorientamento ed empowerment personale (cosa farò nella vita e come faccio a saperlo e a cambiarlo), e
  2. un livello “metaorientativo”, ovvero di riflessione e di approfondimento teorico sui modelli che stanno applicando su loro stessi (come posso fare consulenza a mia volta dopo che mi sono “orientato”).

Il nostro approccio alla formazione degli operatori è sempre pratico: vogliamo far fare a loro quello che dopo svolgeranno con i clienti-candidati.

 Programma

  • Il bilancio delle competenze e la creazione di un obiettivo
    Una metodologia pratica ed operativa di un modello di intervento operativo diffuso da noi in tutta Italia. Il nostro bilancio delle competenze è un percorso di valutazione della situazione attuale e potenziale dello studente e/o del lavoratore, che si conclude con l’elaborazione di un progetto che consenta lo sviluppo formativo e professionale della persona. L’obiettivo formativo e professionale deve essere quindi definito in termini di realtà, concretezza e comunicabilità, e viene costruito utilizzando tutto quello che, in un modo o nell’altro, ha a che vedere con il lavoro e lo studio nella vita di ogni persona. Il nostro modello individua i diversi livelli motivazionali del bilancio e delle sue componenti: per ognuna di queste affronteremo gli esercizi di bilancio tramite procedure di autovalutazione, che possono essere assistite dalla consulenza di uno o più operatori specializzati in orientamento.
  • Ciclo di vita e di carriera: le fasi critiche
    Sviluppare consapevolezza relativamente alle dimensioni e i fattori personali e di ruolo concernenti il rapporto con lo sviluppo di carriera: teorie e modelli dell’approccio Trovare il lavoro che piace. I livelli e le componenti di bilancio.
    – Lezione e discussione in aula.
  • L’obiettivo professionale e il proprio progetto: i diversi metodi esistenti nelle diverse culture lavorative.
    Le metodologie per definire un obiettivo professionale ben formato.
    – Esercitazioni individuali.
  • Competenze
    Imparare ad assistere nell’autovalutazione delle risorse dell’utente: modelli esistenti e nostro modello operativo.
    – Esercitazioni di autovalutazione.
  • Tratti e personalità
    Imparare ad assistere nell’autovalutazione delle risorse dell’utente: modelli esistenti e nostro modello operativo
    – Esercitazioni di autovalutazione.
  • Imparare ad assistere nell’autovalutazione delle risorse dell’utente
    I modelli esistenti e il nostro modello operativo per la ricerca dei settori di inserimento
    – Esercitazioni di autovalutazione.
  • Valori professionali e di sviluppo: le componenti del bilancio
    Autovalutare le risorse per il bilancio: modelli esistenti e nostro modello operativo sui valori e sulla motivazione.
    – Esercitazioni di autovalutazione e di bilancio tra i partecipanti.
  • La ricerca informativa e le tecniche di ricerca del lavoro
    La ricerca del lavoro risulta spesso una esperienza lunga e frustrante. Le recenti teorie sulla “job search” che stanno alla base delle metodologie di career counseling evidenziano come purtroppo la capacità di trovare lavoro non venga implementata nel soggetto che attraverso una serie di azioni scarsamente integrate e finalizzate, causate anche  da uno scarso accesso alle informazioni e da una carente ricerca preliminare in grado di garantire maggiormente la realizzabilità del proprio progetto professionale.
  • Disoccupazione, sottoccupazione, dati del mercato del lavoro e mercato del lavoro nascosto: il ruolo degli stereotipi e della informazione incompleta nel career counseling
    Imparare a riconoscere tipologie di richiesta frequenti e domande tipiche
    – Esercitazioni in piccoli gruppi e discussione in aula.
  • Le informazioni necessarie per il proprio bilancio-progetto professionale: le informazioni disponibili, personali e personalizzate. La ricerca informativa
    Fornire indicazioni sulle principali fonti e tipologie di informazione sul mercato, sulle nicchie di mercato nascosto e la loro gestione.
    – Esercitazioni di autovalutazione ed esposizione teorica.
    – Simulazioni reciproche di bilancio tra coppie di partecipanti.
  • Il mercato del lavoro nascosto e di nicchia
    Conoscere le particolarità del mercato del lavoro in Italia: i suoi paradossi, le sue caratteristiche uniche in Europa.
    – Esposizione ed esercitazioni.
  • L’organizzazione personale della ricerca del lavoro
    Fornire un sistema di gestione della propria ricerca.
    – Esercitazioni di autovalutazione ed esposizione teorica.
    – Simulazioni reciproche di bilancio tra coppie di partecipanti.
  • Tecniche attive e passive: cv, mailing, annunci, database, agenzie di incontro domanda offerta, e candidatura
    Vantaggi e svantaggi delle diverse tecniche di ricerca del lavoro per esplorare nuove possibilità di utilizzo del proprio bilancio.
    – Esposizione e discussione.
  • La negoziazione
    Valutare il proprio valore di mercato. Acquisire capacità di negoziazione.
    – Esposizione e role-playing

Destinatari
Operatori orientamento, psicologi, insegnanti, career coach, educatori.

Durata
24-48 ore (3-6 giornate formative di 8 ore) da concordare.

Realizzazione
Se fai parte di un ente pubblico o privato e desideri organizzare la formazione, puoi contattarci per valutare le modalità e la fattibilità compilando il form sottostante.