Gianluca Antoni

Psicologo Psicoterapeuta Ipnotista, Scrittore, Career Coach, Formatore

Tag: patch adams

# 046 – Il potere magico del sorriso

patch adams - il potere del sorrisoQuando incontrai Patch Adams, il medico clown magistralmente interpretato da Robin Williams nel film ispirato alla sua storia, nella tasca della giacca multicolore aveva un dilatatore per la bocca, uno di quelli che utilizzano i dentisti. Raccontava che in ogni occasione in cui il clima si faceva serio, poteva accadere durante una riunione o in un’interazione con un’altra persona o seduto in aereo, se lo infilava di nascosto in bocca e, inevitabilmente, quando gli astanti se ne accorgevano, strappava un sorriso.

Ridere fa bene, e come replica Robin Williams all’ostico direttore dell’ospedale che lo sorprende a fare il clown nella stanza di un paziente, “le ultime ricerche dimostrano che la risata aumenta la secrezione di catecolammine ed endorfine, il che a sua volta aumenta l’ossigenazione del sangue, rilassa le arterie, accelera il cuore, abbassa la pressione sanguigna con effetti positivi sulle malattie respiratorie e cardiovascolari e in più aumenta la risposta del sistema immunitario”.

Eppure, nonostante gli effetti benefici del sorriso, spesso ce ne dimentichiamo prendendo la vita troppo sul serio. Perché? Continue reading

La farfalla sul palco

Reading del soliloquio al padre

Ora lo posso dire. Ora che la presentazione alla Rotonda di Senigallia è passata lo posso fare. Posso dire perché la data dell’otto agosto è per me speciale. È speciale perché l’otto di agosto sarebbe stato il compleanno di mio padre. E trovarsi a presentare il romanzo dedicato a lui, nella bellissima cornice della tua città, all’interno di una rassegna prestigiosa, in mezzo alle persone a cui vuoi bene proprio nel giorno del suo compleanno… be’, non ti lascia indifferente. Non a me. Pensi sia un segno.

Quando Paolo Mirti mi ha chiamato per invitarmi alla rassegna proponendomi l’otto di agosto non ci ho fatto caso alla data. Ho detto sì, semplicemente, mi sentivo lusingato per essere stato scelto. Dopo ho collegato, alcune settimane dopo, quando organizzavo la serata e sceglievo i brani per il reading. Tra questi, c’era un soliloquio del protagonista indirizzato al padre. E associandolo alla data mi sono detto che lo dovevo leggere io, quel brano. Certo, Beatrice Gregorini o Fausto Caroli lo avrebbero fatto meglio, loro sono attori professionisti, ma a costo di scoppiare in lacrime a metà lettura lo dovevo fare io. Perché è l’otto di agosto, sono nella mia città, tra le persone che amo e a cui voglio bene e tra cui vorrei, Dio solo sa quanto, che ci fosse anche mio padre.

E così è stato.

Non so se avete visto Patch Adams. Be’, al protagonista muore la donna che ama, lui si sente terribilmente in colpa e vuole farla finita, o perlomeno interrompere il suo progetto, la realizzazione del suo sogno. Finché non compare una farfalla, lo spirito di lei, che lo fa desistere dal proposito.

la Farfalla "Bruno"

Be’… alla presentazione è comparsa una farfalla, un farfalla notturna, grande, bruna. Si è appoggiata sul palco e lì è rimasta. Fino alla fine.

Sarò un inguaribile romantico… ma ho pensato che quella farfalla fosse mio padre.

Mio padre Bruno.

© 2018 Gianluca Antoni

Theme by Anders NorenUp ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi