Gianluca Antoni

Psicologo Psicoterapeuta Ipnotista, Scrittore, Career Coach, Formatore

Tag: rischi

Smettere di fumare: come cambia il corpo

Come lo smettere di fumare cambia il corpo

smettere_di_fumare_come_cambia_il_tuo_corpoDi seguito viene riportato cosa succede al tuo corpo dopo l’ultima sigaretta. Il corpo comincia una serie di cambiamenti che continuano per anni. Tutti i benefici si perdono semplicemente fumando una sigaretta al giorno secondo la American Cancer Society.

  • 20-30 minuti 
    – La pressione del sangue e le pulsazioni si abbassano e tornano normali.
    – La temperatura delle mani e dei piedi aumenta fino alla normalità
  • 8 ore
    – Il monossido di carbonio nel sangue comincia a scendere al livello normale.
    – Il livello di ossigeno nel sangue aumenta a un livello normale.
  • 24 ore
    – La possibilità di un’attacco di cuore decresce.
  • 48 ore
    – Le terminazioni nervose cominciano a ricrescere.
    – I sensi del gusto e dell’olfatto aumentano.
  • 72 ore
    – I bronchi si rilassano.
  • 2-3 settimane
    – La circolazione aumenta.
    – Camminare diventa più facile.
    – La funzione polmonare aumenta fino al 30%.
  • 1-10 mesi
    – La tosse, la congestione sinusale, la fatica e il respiro corto diminuiscono.
    – Le ciglia polmonari ricrescono migliorando la capacità di liberare il muco, mantenersi puliti i polmoni e ridurre le infezioni. 
    – L’energia generale del corpo aumenta.
  • 1 anno
    – L’eccessivo rischio di una malattia coronarica si dimezza rispetto a un fumatore.
  • 5 anni
    – Il rischio di morte per un cancro ai polmoni si dimezza al confronto di un fumatore medio (un pacchetto di sigarette al giorno).
    – Il rischio di un ictus è pari a quello di una persona che non fuma da 5-15 anni.

    – Il rischio di un cancro alla bocca, alla gola, all’esofago e alla vescica è dimezzato.
    – Il rischio di un cancro cervicale diventa pari a quello di un non fumatore.
  • 10 anni
    – Il rischio di un cancro ai polmoni è simile a quello di un non fumatore.
    Le cellule precancerogene sono state sostituite.
    – Il rischio di un cancro al pancreas è circa lo stesso di un non fumatore.
  • 15 anni
    – Il rischio di una malattia cardiaca è simile a quello di un non fumatore.
    – Il rischio di morte è circa lo stesso di un non fumatore.

I pericoli della deprivazione del sonno

I pericoli della deprivazione del sonnoSonno: ecco i pericoli della deprivazione

Anche solo una settimana di sonno insufficiente altera le attività dei nostri geni, che controllano la nostra risposta allo stress, il sistema immunitario, le infiammazioni e la salute in generale. Di seguito vengono riportati i rischi nascosti causati da una deprivazione del sonno.

  • Livelli di ansia più alti. La mancanza di sonno amplifica le reazioni anticipatorie del cervello, facendo aumentare il livelli generali di ansia.
  • Livelli più alti di depressione. La mancanza di sonno causa una diminuzione dei neurotrasmettitori che regolano l’umore.
  • Rottura del ritmo circadiano (l’orologio biologico). Porta a un impoverimento di globuli bianchi nel sangue, che indebolisce la nostra risposta allo stress.
  • Capacità cognitiva compromessa. Un’eccessiva assenza di sonno compromette la memoria e la capacità di pensare e di processare le informazioni.
  • Rischio più elevato di ipertensione. Dormire tra le 5 e le 6 ore per notte aumenta il rischio di avere la pressione alta.
  • Rischio più elevato di ictus. La mancanza di sonno influisce negativamente sulla salute cardiovascolare, aumentando il rischio di una diminuzione del flusso sanguigno al cervello.
  • Rischio più elevato di malattie cardiache. Quando dormiamo la nostra pressione sanguigna si abbassa. Non sperimentando questi abbassamento notturno della pressione rappresenta un fattore di rischio per sviluppare malattie cardiache.
  • Rischio più elevato di cancro al seno. Un’esposizione alla luce a notte fonda è correlata alla riduzione della produzione di melatonina, che disturba la produzione di estrogeni. Troppi estrogeni promuovono lo sviluppo del cancro al seno.
  • Rischio più elevato di diabete. Mancanza di sonno scatena le nostre risposte allo stress, provocando il rilascio degli ormoni dello stress, il cortisolo e la norepenefrina, che sono associati alla resistenza insulinica.
  • Voglie non salutari. Il sonno aiuta a mantenere un bilanciamento salutare degli ormoni che ci fanno sentire affamati (grelina) e sazi (leptina). Mancanza di sonno provoca un aumento di grelina e una diminuzione di leptina.
  • Rischio maggiore di ferirsi.

Continue reading

© 2020 Gianluca Antoni

Theme by Anders NorenUp ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi