Quanto durano le emozioni

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

In una ricerca condotta in Belgio e pubblicata dalla rivista Motivation and Emotion è stato chiesto a 233 studenti di ricordare recenti episodi in cui avevamo provato determinate emozioni, riferirne la loro durata, l’evento scatenante e le strategie messe in atto per gestirle.  É risultato che su 27 emozioni, la tristezza è quella che dura più a lungo (120 ore), seguita dall’odio (60 ore) e dalla gioia (35 ore) mentre il disgusto, la vergogna e la paura risultano quelle che durano di meno (30-40 minuti). É emerso inoltre che la durata delle emozioni è legata all’importanza dell’evento scatenante (tanto più è importante, tanto più dura l’emozione) e dal fenomeno della ruminazione mentale, ossia nel trovarsi ingabbiati in una forma di pensiero circolare  che ruota intorno a un unico tema, generalmente di natura negativa.

quanto durano le emozioni

A mio avviso i risultati di questa ricerca non ci forniscono grandi illuminazioni. Infatti è abbastanza scontato che tanto più rimuginiamo su qualcosa che ci è accaduto di negativo, tanto più l’emozione negativa che l’accompagna perdura; esattamente com’è naturale che la durata sia proporzionale all’importanza dell’evento scatenante.

MA

è interessante scoprire che le emozioni non durano a lungo. Questa consapevolezza è un elemento che ci può aiutare a disinnescare la ruminazione mentale. Spesso l’emozione spiacevole perdura perché provo la sensazione della sua permanenza, ossia sono convinto che mi accompagnerà a lungo, il che la rende insopportabile e ci pone nella condizione di cercare mille soluzioni per alleviarla o farla sparire con l’effetto, il più delle volte, di renderla ancora più intensa, persistente e permanente. Se sappiamo invece che la tristezza dura solo 5 giorni, l’odio meno di 3, la disperazione, l’ansia e la delusione solo uno, di giorni, e altre emozioni come la paura, la vergogna, la colpa solo qualche ora o anche meno, be’, questa consapevolezza ci può tranquillizzare e porci in una situazione di “attesa che passi”, il che può essere il modo migliore per abbreviarne la durata e renderla meno intensa.

Certo non basta. Come ho già scritto, le emozioni hanno un loro significato ed è importante ascoltarlo, ma disinnescare il loro carattere di permanenza ci può permettere di alleggerire il fardello.  E a volte è più che sufficiente per tornare a stare bene!

Ps. circa le emozioni piacevoli… rimuginate! Più durano, meglio è! Dico giusto?

Gianluca Antoni

Gianluca Antoni

Psicologo Psicoterapauta Ipnotista, Career Coach, Formatore, Scrittore

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi